Vuthemas

Vchutemas (1920-1930)

Quasi parallelamente alla Bauhaus viene fondata, in Unione Sovietica, una scuola d’arte e di progettazione di estremo interesse, la scuola Vchutemas (1). Essa nasce a Mosca nel 1920, con l’obiettivo di fondare su basi oggettive e scientifiche l’istruzione artistica per raggiungere un alto livello professionale. Rispetto al corso fondamentale della Bauhaus, quello del Vchutemas si articola in quattro sezioni: Grafica, Colore, Volume e Spazio.
Secondo Aleksandr Rodchenko (1891 – 1956), artista leader del Costruttivismo russo (2 ), l’arte, come ogni scienza, è una branca della matematica, e su questo slogan Rodchenko nel 1920 costruisce il suo corso Basic Design. Lo scopo delle esercitazioni di Rodchenko è quello di sviluppare le capacità analitiche, l’intuito creativo e l’attitudine alla pratica dello studente. Nell’elaborazione di un esercizio di Rodchenko di seguito riportata e in quella successiva, la linea è utilizzata come scheletro, come insieme di piani che si intersecano. Le figure geometriche di base escono dal lavoro della squadra e del compasso e perdono qualsiasi valore pittorico e sinestesico, come abbiamo visto in quelle di Kandinsky.
Sempre a Vchutemas, ma nella sezione Colore, anche Lubiov Popova (1889 – 1924) sviluppa esercitazioni di Basic Design, ponendo l’accento sugli aspetti percettivi ed in particolare quello cinetico.
Per quanto riguarda la sezione Spazio, Vladimir Krinski (1890 – 1971) (2) (3) propone esercitazioni tridimensionali. In queste esercitazioni lo studente deve tenere conto della legge sulla percezione visiva, in quanto le forme tridimensionali vengono concepite come unità mobili, in relazione al punto di vista dell’osservatore.
Di particolare interesse sono le esercitazioni per la costruzione di composizioni frontali con elementi spaziali dove la struttura è definita da piani che si intersecano su una spirale, in accordo con le leggi della progressione geometrica.

Per saperne di più

http://www.miarch.ru/Eng/museum/Vkhutemas.php
http://de.wikipedia.org/wiki/Wchutemas
http://www.schicklerart.com/auto_exh/November 1
http://www.ferguson-studio.com/avant-garde-3.html

.
Principali testi critici

Magomedov, Kahn S., Vhutemas 1920-1930, Éditions du Regard, 1990.
Lodder, Christina, Russian Constructivism, New Haven-London, Yale University Press, 1983.
Margolin, Victor, The struggle of utopia: Rodchenko Lissitzky Moholy-Nagy 1917-1946, Chicago, The University Chicago Press, 1997.
Bauhaus–Vhutemas-Ulm, “Casabella”, numero monografico, 435, Milano, 1978.

Principali fonti originali

A.M.Rodcenko, La Linea, 1921, in Quilici, Vieri (ed.), Rodcenko e Stepanova. Alle origini del costruttivismo, Milano, Electa, 1984.